Tempi di attesa per prestazioni e ricoveri

clock-163199  340Cosa indica il tempo di attesa?
Il tempo di attesa delle prestazioni ambulatoriali specialistiche indica il periodo che intercorre tra la data di prenotazione e la loro effettuazione.

L'ASL eroga direttamente le prestazioni sanitarie di specialistica ambulatoriale (visite specialistiche e altre prestazioni); le stesse possono essere erogate anche da strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e a contratto ed in possesso, quindi, dei requisiti che la normativa nazionale e regionale prevede al fine di garantire  la qualità delle prestazioni; pertanto, tutte le strutture che erogano tali prestazioni garantiscono adeguato livello di qualità e competenza.
La Regione Piemonte ha predisposto apposita normativa consultabile al seguente link

La normativa stabilisce che il rispetto dei tempi massimi riguarda soltanto le prestazioni di primo accesso.

Risulta importante, pertanto, che il medico prescrittore specifichi sull'impegnativa se si tratta di prima visita/primo accesso oppure di una visita o prestazione  di controllo. Nel caso in cui l'impegnativa non riporti alcuna precisazione, si intenderà che si tratta di visita/prestazione di controllo.

Come conoscere i tempi di attesa

Per conoscere i tempi d’attesa, ci si può rivolgere agli Uffici di Relazione con il Pubblico di ciascuna Azienda sanitaria locale o ospedaliera o ai siti internet aziendali.
I documenti pubblicati consentono di vedere quante prestazioni sono erogate dalle strutture sanitarie, e quante vengono somministrate entro un certo intervallo di tempo. Si tratta non del tempo rilevato in un giorno indice, ma dell’attesa effettiva dei cittadini che hanno prenotato in una determinata struttura.

E' importante sapere che:

  • la prenotazione deve essere effettuata solo dopo che il medico ha effettuato la prescrizione dell'esame, definendo sulla ricetta il quesito diagnostico e la eventuale priorità dell'esame, che permetteranno alla struttura una corretta prenotazione secondo le regole di accesso;
  • l'impossibilità di potersi presentare ad una qualsiasi visita specialistica o altra prestazione deve essere comunicata tempestivamente alla struttura dove è stata effettuata la prenotazione o call center, ciò consentirà a un altro utente di usufruire del posto liberatosi in agenda;
  • la preferenza di un ambulatorio, luogo e data, può comportare maggiore attesa;
  • non è consentita la prenotazione presso più strutture per la medesima prestazione.

 

APPROFONDIMENTI

TEMPI MASSIMI

I tempi massimi si riferiscono solo ai primi accessi (vale a dire alla situazione in cui il problema attuale del paziente viene affrontato per la prima volta e per il quale viene formulato un preciso quesito diagnostico) e non per i controlli.

PRIMO ACCESSO

Le prestazioni di primo accesso si riferiscono a casi in cui il problema attuale del paziente viene affrontato per la prima volta e per il quale viene formulato un preciso quesito diagnostico. Sono considerati anche primi accessi i casi di pazienti noti affetti da malattie croniche, che presentano una fase di riacutizzazione o l’insorgenza di un nuovo problema, non necessariamente correlato con la patologia cronica, tale da rendere necessaria una rivalutazione complessiva e/o una revisione sostanziale della terapia (anche in questo caso si dovrà indicare sulla ricetta “primo accesso”).

PRESTAZIONI DI CONTROLLO

Le prestazioni definite di controllo, cioè visite e/o accertamenti diagnostici successivi ad un inquadramento clinico già concluso, che ha definito il caso ed eventualmente già impostato una terapia, possono essere programmate, e di conseguenza erogate, in un maggior arco di tempo e comunque entro il tempo eventualmente indicato nella prescrizione, in quanto lo stesso non influenza lo svolgimento del percorso diagnostico terapeutico già attivato. In esse il problema viene rivalutato dal punto di vista clinico. Si tratta di prestazioni finalizzate, ad esempio, a seguire nel tempo l’evoluzione di patologie croniche, valutare a distanza l’eventuale insorgenza di complicanze, verificare la stabilizzazione della patologia o il mantenimento del buon esito di un intervento, indipendentemente dal tempo trascorso rispetto al primo accesso

CLASSI DI PRIORITA'

Le prescrizioni per visite ed esami vengono fatte dal medico curante sulla base dello stato di salute del paziente, assegnando una classe di priorità. È dunque il medico, a seconda della presenza e dell’intensità dei sintomi e le modalità stabilite dalla Regione   a stabilire l’arco di tempo entro il quale deve essere effettuata la visita o l’esame diagnostico. La classe di priorità deve essere riportata sulla prescrizione dal medico curante

classe U: prestazione non rimandabile e urgente, che deve essere garantita entro 72 ore dalla richiesta.
classe B: prestazione da assicurarsi entro i 10 giorni dalla richiesta;
classe D: le prestazioni sono differibili (comunque entro i 30 giorni per le prime visite, entro i 60 giorni per le prestazioni diagnostiche)
classe P: prestazione programmabile, non urgente.
Ci sono, invece, alcuni esami che non richiedono prenotazione: per vedere i dettagli consultare visite ed esami senza prenotazione e ad accesso diretto. Per sapere come prenotare, consultare Prenotare visite ed esami.

Nel novembre 2015 la Regione Piemonte ha deliberato la riorganizzazione delle attività oncologiche su tutto il territorio regionale (DGR 51-2485 del 23/11/2015). La riorganizzazione si basa sull’individuazione di Centri Hub e centri Spoke scelti secondo criteri di volumi di attività, esperienza degli operatori e tecnologie presenti nei presidi ospedalieri. La finalità della riorganizzazione è la presa in carico globale presso la propria ASL del paziente fin dal primo sospetto di neoplasia e l’accompagnamento verso le migliori e più appropriate cure. Tutte le indicazioni specifiche relative ai percorsi per i pazienti oncologici a questo link

 

 

Dal seguente link sono scaricabili i tempi di attesa per le visite specialistiche e prestazioni ambulatoriali e di ricovero dell'ASL VC e l'elenco delle prestazioni ad accesso diretto:

Recapito delle strutture che offrono prestazioni nell'ASL VC

Legenda:

PRESTAZIONI DIAGNOSTICO/SPECIALISTICHE SOGGETTE A MONITORAGGIO

VISITE SPECIALISTICHE SOGGETTE A MONITORAGGIO

 

Dal seguente link sono scaricabili i tempi di attesa per le visite specialistiche e prestazioni ambulatoriali di tutte le ASL del Piemonte:

Accesso alla pagina dedicata sul sito della Regione Piemonte

 

 

Ed inoltre, sull'argomento:

Sistema "recall" sulle prenotazioni. Un aiuto per ridurre le liste d'attesa

ASL VC - Azienda Sanitaria Locale di Vercelli
Sede Legale: C.so Mario Abbiate n. 21 - 13100 - Vercelli
Telefono centralino: 0161-593111 - Centralino Borgosesia: 0163-426111
E-mail certificata: aslvercelli@pec.aslvc.piemonte.it - CODICE FISCALE E PARTITA IVA 01811110020

Codice Unico Ufficio di IPA dell'A.S.L. "VC": UF9H8T

                    Redazione sito web a cura Settore Comunicazione ASL VC - Informativa sulla Privacy Logo di certificazione dell'accessibilità del sito secondo gli standard W3C tripla A