Centralino
Accessibilità
A+
A-

Responsabile: Laura Spunton

 

 

Il Servizio Sociale Aziendale è una struttura che opera su diversi livelli di integrazione, contribuendo a creare la rete di Servizi Sanitari e assicurando, attraverso la figura dell' Assistente Sociale, funzioni di accoglienza, orientamento, informazione, presa in carico della persona, della famiglia e del gruppo sociale.

Il Servizio Sociale Aziendale Interviene nella presa in carico precoce del disagio, collabora con il personale sanitario e le Associazioni di Volontariato, individua tempestivamente il livello di vulnerabilità e di rischio sociale per permettere la pianificazione e la costruzione di un idoneo percorso. Attiva la rete territoriale dei servizi e mette in sinergia le risorse del paziente e del suo contesto familiare, relazionale e sociale. Assicura la presa in carico globale della persona al fine di garantire un percorso idoneo al paziente e qualità ed economicità del sistema stesso. L’Assistente Sociale è il professionista che si occupa di esercitare conoscenza e tecniche per lo studio dei bisogni dell’individuo, della famiglia e/o del gruppo, singolarmente e collettivamente, promuovendo azioni di responsabilizzazione della persona e della comunità territoriale a cui la persona appartiene, finalizzate al superamento del disagio stesso ed all'inclusione sociale. La professione dell'Assistente Sociale si fonda sui principi del valore, della dignità e della unicità di tutte le persone, del rispetto dei loro diritti universalmente riconosciuti e delle loro qualità originarie, quali: libertà, uguaglianza,socialità, solidarietà, partecipazione, nonché sulla affermazione dei principi di giustizia ed equità sociali.
Il Servizio Sociale Aziendale Promuove interventi di integrazione “sociosanitaria”, in una logica di valorizzazione dei cittadini e di strategie organizzative che garantiscano processi d'aiuto alla comunità.
Il Servizio Sociale Aziendale Interviene a sostegno di anziani non autosufficienti, persone in difficoltà , pazienti in carico al Dipartimento delle Dipendenze Patologiche, pazienti in carico al Servizio di Salute Mentale, minori in difficoltà, pazienti senza fissa dimora, pazienti senza familiari, donne e minori in situazioni di violenza; collabora con i Servizi Sanitari e con i Servizi Sociali del territorio per attivare una rete di supporto integrata.

 

 

Modalità di accesso

Il servizio è gratuito e non richiede impegnativa. Si può accedere con le seguenti modalità: su richiesta del cittadino o di chi lo rappresenta (familiare, tutore, amministratore di sostegno), su segnalazione di organi istituzionali (Autorità Giudiziaria, Questura, Scuola, ecc.), su segnalazione dell'ospedale, del MMG (Medico di Medicina Generale), del Pediatra o di altri operatori socio-sanitari. E' un servizio rivolto a tutti i cittadini residenti, o che vi abitino, e che si trovino in condizioni di fragilità sociale, autonomia ridotta o compromessa per motivi legati all'età, malattia, condizioni sociali difficili e condizioni d'improvvisa ed imprevista necessità assistenziale.

 

 

Attività

Il Servizio Sociale Aziendale è organizzato in tre aree operative:

  • Area Ospedaliera
  • Area Distrettuale
  • Area Servizi Specialistici

In ogni Area è presente un Assistente Sociale del Servizio Sociale Aziendale e tale organizzazione permette di facilitare la costruzione della rete volta a sostenere il paziente e la sua famiglia con l'attivazione di interventi di integrazione multiprofessionale con Servizi Socio-Sanitari del territorio.

Le Assistenti Sociali del Servizio Sociale Aziendale garantiscono l'attività di segretariato sociale e collaborano per l'attivazione delle seguenti prestazioni ponendo l'attenzione al rispetto della persona nella sua unità, globalità e dignità:

  • orientamento e supporto al cittadino nell’accesso a servizi sanitari, socio-sanitari e di assistenza sociale territoriale
  • consulenze sociali su tematiche relative alla non autosufficienza/disabilità;
  • consulenza per problemi sociali connessi alla gravidanza, genitorialità e tutela dei minori;
  • valutazione sociale integrata per dimissioni protette al domicilio o in continuità delle cure;
  • partecipazione alla Commissione di Medicina Legale per i benefici della L. 104;
  • collaborazione alla definizione di progetti socio-sanitari domiciliari, semiresidenziali e residenziali nell’ambito della Commissioni di Valutazione Geriatrica (UVG) e della Commissione di Valutazione Multidimensionale della Disabilità (UMVD)
  • interventi per la protezione giuridica di soggetti fragili in carico ai Servizi Sanitari;
  • collaborazione nella realizzazione di programmi di prevenzione e promozione della salute;
  • progettazione e attuazione di interventi finalizzati alla cura, riabilitazione e reinserimento sociale nei confronti di persone con disturbi psichiatrici e affetti da dipendenza (droghe, alcol, gioco d'azzardo);
  • informazioni su prestazioni previdenziali e di tutela e protezione giuridica;
  • rapporti con l'Autorità Giudiziaria (Tribunali, Forze dell'Ordine, ecc);
  • attività di supervisione degli allievi tirocinanti e collaborazione con le Università di Servizio Sociale

In tutte le fasi del percorso e trattamento garantisce interventi nel processo di aiuto rivolto alle persone e alle loro famiglie, in stretta collaborazione con altre figure professionali presenti nei diversi ambiti del sistema sanitario e sociale, sia interno all'Asl che esterno sui diversi territori.

In ogni ambito di intervento l'Assistente Sociale garantisce riservatezza e segreto professionale come diritto primario della persona.

In ogni fase del percorso attiva azioni e interventi volti a promuovere la “ persona” nella sua unità, e contribuisce a sostenerne i processi di autodeterminazione e restituirle la libertà e la responsabilità delle proprie scelte: riconducendola nel suo stato di diritto.

 

Progetti in corso

  • organizzazione eventi formativi rivolti a tutto il personale del comparto e della dirigenza
  • collegamento con i Servizi Sociali Aziendali della rete regionale delle ASL piemontesi
  • Sportello informativo per l'Alzheimer e le demenze neurologiche
  • Proposta di attivazione di un tavolo permanente avente le finalità di Osservatorio delle Associazioni di Volontariato che operano all'interno dei servizi dell'ASL
  • Proposta di istituzione di un Nucleo aziendale per la progettazione in ambito dei finanziamenti europei

  

Moduli e Brochure

Servizio Sociale Aziendale: un servizio accanto a te

Guida al paziente affetto da Alzheimer e altre demenze

Guida ai servizi l'Assistente Sociale e il paziente oncologico

Mediazione culturale - Guida per gli operatori del SSN su definizione, carattesistiche, ruoli e contatti

 


Responsabile Servizio Sociale Professionale Aziendale

Dott.ssa Laura Spunton

Piastra. L.go Giusti 13, Vercelli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0161-593136


AREA OSPEDALIERA

Coordinatore: Dott.ssa Lorella Perugini

Ospedale S. Andrea, Vercelli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0161-593503/ 334-6368022


Referente Ospedale SS. Pietro e Paolo di Borgosesia: Dott.ssa Maria Teresa Marone

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0163-426719/ 366-5713646


AREA DISTRETTUALE

Referente Distretto Area Sud : dott.ssa Sara Nicolosi

Piastra, L.go Giusti 13, Vercelli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0161-593136/ 334-3943021


Referente Area Distrettuale Nord : dott.ssa Elisabetta Forti

Direzione Sanitaria Presidio ospedaliero SS. Pietro e Paolo di Borgosesia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0163-426720/331-2661437

 

SERVIZI SPECIALISTICI

SERD

Per il Serd Area Nord il nominativo della dott.ssa Silvana Strobino non è più attivo per pensionamento


Referente Area Sud: dott.ssa Signorella Nicosia

C.so M. Prestinari n. 193 , Vercelli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0161-250097


Referente Area Nord: dott.ssa Sabrina Costa

Ospedale SS. Pietro e Paolo di Borgosesia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0163-426205


DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE

Referente Area Sud : Dott.ssa Laura Pucella

Ospedale S. Andrea Vercelli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0161-593963/331-2661435


Coordinatore Area Nord: Dott.ssa Marinella Marchitelli

Via Marconi 30, Borgosesia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0163-426853- 855/ 366-5744009